Blog

6 buoni motivi per utilizzare la realtà aumentata nella pubblicità

Realtà aumenta: la nuova frontiera della comunicazione

Il fascino della realtà aumentata (AR) ha conquistato ormai anche il marketing e la pubblicità. Poter sovrapporre elementi virtuali alla realtà, come nel caso della celebre applicazione di Brian August che fa rivivere le torri gemelle, è un’occasione d’oro per dare visibilità ad un prodotto, tenuto conto che i potenziali clienti sono i proprietari di Smart Phone e tablet in crescita continua.

Combinando il mondo digitale a quello fisico, la realtà aumentata offre ai marchi una nuova opportunità di interagire con i propri consumatori aggiungendo una nuova gamma di soluzioni da integrare con la pubblicità e gli eventi, e crea azioni di ambient marketing basate sulla tecnologia.

Ecco 6 buone ragioni per utilizzare la Realtà Aumentata nella pubblicità

1) Connessione emotiva
AR consente una maggiore interattività nel processo di vendita e acquisto: si crea un legame tra ciò che l’acquirente sta cercando e ciò che il prodotto può offrire. L’opportunità di poter sperimentare da casa gli effetti di questa tecnologia diventa un ottimo appeal per il lancio di campagne web, innovativa risorsa per la pubblicità non convenzionale.

2) Innovazione e connessione con le nuove tecnologie
Attraverso le applicazioni per mobile, permette di  farsi raggiungere da milioni di utenti mobili e acquisire così una posizione di netto vantaggio sulla concorrenza.

3) Engagement ripetuto
Dato che i brand possono coinvolgere i consumatori nello stesso tempo sia cognitivamente che attraverso i sensi.

4) Geo-targeting
E’ possibile usare i dati GPS inviati da smartphone per localizzare e conoscere l’utente. È inoltre possibile segnalare l’eventuale presenza del brand e la sua offerta nelle vicinanze.

5) Guida le vendite offline
Molte interazioni con la realtà aumentata fanno sì che esperienze offline si trasformino in vendita on-line innalzando il valore dell’esperienza vissuta e guidando la visibilità del brand.

6) Inferiori costi di realizzazione
La pubblicità su carta stampata nelle riviste cartacee tende ad essere più costosa degli annunci on line e digitali.

Vi proponiamo alcuni esempi rappresentativi di applicazione della realtà aumentata in pubblicità:

MURAT PARIS ha utilizzato la realtà aumentata per mostrare l’effetto dei propri gioielli indossati.

Catalogo interattivo IKEA. La realtà aumentata dà la possibilità di posizionare alcuni articoli virtuali dove si desidera nella propria stanza e di “vedere” come starebbero prima di effettuare l’acquisto.

[distance type=”1″]

Sweet Years App permette di dare vita alla propria maglietta lasciandosi trasportare in un mondo virtuale. ViFX ha partecipato al progetto Sweet Years App creando i modelli 3D per l’applicazione.

Lascia un commento

*